25 Gennaio 2022
News
percorso: Home > News > In Platea con

IN PLATEA CON... "BARBARA BERT"

28-12-2021 11:15 - In Platea con
Barbara Bert dopo tante esperienze e collaborazioni musicali importanti, si mette a confronto con se stessa e regala al suo pubblico una parte ancora più intima, interpreta emozioni forti,"Profili di donna" nei quali tutte possiamo specchiarci.


Jennifer: Ciao Barbara, benvenuta in Platea con... da sempre nel mondo della musica, come sei cambiata nel tempo e come ti definisci artisticamente?
Barbara Bert: Ho iniziato il mio percorso musicale tra pianobar ed orchestre. La gavetta, nella musica, mi ha aiutato a combattere l'innata timidezza. Il tempo ha permesso di smussare diversi angoli del mio carattere, rivelando grinta e determinazione. Sono svanite alcune paure e posso dire che non si finisce mai di imparare, nella musica e in ogni altro mestiere. La ricerca di trasmettere un personale messaggio è costante.

J: Tantissimi gli incontri musicali che hai avuto. Qual è stato il momento o l'artista che in qualche modo ha lasciato un segno positivo nella tua vita artistica e non?
B: Sicuramente Gianni Donzelli, degli Audio Due, è stato fondamentale. Lo conobbi anni fa ad un evento a Potenza, dove partecipai con i Milk and Coffee, gruppo di cui facevo parte. Quell'incontro si trasformò in una bella amicizia che portò a una proficua collaborazione. Recentemente abbiamo realizzato insieme il singolo “Vieni e abbraccia il sole”.

J:A dicembre è uscito il tuo primo album da solista “Profili di donna”. Cosa ti ha portato a realizzare quel progetto?
B: Dopo l'uscita di diversi singoli, insieme al mio team della DDA Records, abbiamo deciso di raggruppare in un album alcuni brani. L'intento era quello di offrire al mio pubblico un primo cd da solista.

J: “Profili di donna” non è solo il titolo dell'album ma anche una canzone, alla quale tieni molto. Cosa racconti in questo brano? Quale messaggio vorresti arrivasse a chi lo ascolta?
B:Permettimi di fare una distinzione: L'album si intitola “Profili di donna”, mentre uno dei brani all'interno “Profilo di donna”. Esso racconta una storia di bullismo, che purtroppo ho subito in prima persona a scuola. Io ho avuto la forza di uscirne grazie alla musica, intesa come impegno artistico. Quindi il messaggio della canzone è un invito a trovare la forza in se stessi senza pensare che esista solo il buio di fronte a noi.

J: All'interno dell'album c'è la canzone “Cuori di ossigeno”, scritta per te da Bungaro. Com'è nata questa collaborazione?
B: L'autore Alberto Zeppieri aveva fatto sentire alcune mie interpretazioni a Bungaro, che decise di scrivere un brano per me. E sono onorata di avere ricevuto un tale dono.

J: La musica rappresenta una forte forma di comunicazione. Attraverso di essa cosa intendi comunicare?
B: La canzone, intesa nelle sue più ampie forme, può essere spesso un veicolo di messaggi plurimi. Nel mio caso, ho cercato di trovare testi che siano semplici in apparenza ma ricchi di contenuti. Nell' album si parla di bullismo ma anche di problemi complessi della nostra società. Ad esempio, la canzone “Un fiore tra la neve” è dedicato alla situazione tragica del conflitto tra Israeliani e Palestinesi. Ho voluto anche interpretare un brano di Gino Santercole, dedicato alla moglie, a mio parere bellissimo.

J: A quali nuovi progetti stai lavorando? Cosa vuoi regalare al tuo pubblico? Cosa dobbiamo aspettarci?
B: Sicuramente nuove canzoni ed eventi. Purtroppo la situazione della pandemia in Italia e nel mondo è ancora molto aperta ed incerta. Difficile fare progetti e organizzare concerti. Vedremo.



Fonte: Jennifer Iacovino
video
Profilo di Donna

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

cookie